Grottaferrata (329 m slm ‚Äď 17663 abitanti, detti Grottaferratesi ‚Äď 18,36 kmq). A 21 km da Roma, sui Colli Albani, presso la marana di valle Marciana e la marana dell’Acqua Mariana, affluenti di sinistra del Tevere.


IL DIALETTO DI GROTTAFERRATA
Non si pu√≤ parlare dell’esistenza di un dialetto caratteristico di Grottaferrata che ha iniziato la sua crescita a partire dalla seconda met√† dell’Ottocento grazie ad una massiccia immigrazione da varie parti d’Italia. Ci√≤ ha portato alla mescolanza di dialetti, dall’abruzzese a quelli dell’Italia meridionale e al veneto, ai dialetti dei Castelli come il marinese, il frascatano e il rocchigiano. La tendenza generale attuale √® per l’espansione del dialetto romanesco, accentuata dalla scelta di molti romani di farne il luogo di residenza principale o secondaria.

Parlare “’N dialetto o ’n italiano?” √® l’interrogativo di una sapida prosa di Alessandro Gentilini tratta da Poesie e brevi racconti nei dialetti di Colonna...(1996): “Quandu se parla ’n dialetto tocca sta’ attente perch√© √® facile passa’ pe’ ’gnoranti... Eh s√¨, perch√© si √® ’na vita che senti di’ che l’annaffiatoio se chiama u broccone, che i pomodori se chiamino i pummidori, che io devo se dice io tengo, te po’ capita’ de √¨ da u vicinu de casa che ne v√® da fori e dicce: “Scusi, mi pu√≤ prestare il broccone che devo annaffiare i pummidori? oppure “scusi, siccome tengo da ’nnaffi√†’, prestime l’annaffiatoio”.

Nun se ponno mmischia’ du lingue ’nsiemi, sinn√≤ se fa’ ’n macellu; si tu sa che la falce se dice u sorecchiu, nun ce po’ √¨ a di’ “ Mi presti il sorecchio?”: u sorecchiu se dice u sorecchiu e basta, nun se po’ di’ in italiano il sorecchio. ’Ssu fattu capita spesso tra i giovinotti che vanno a rimorchia’; ormai qua √® pieno de gente de fori, fi’ de avvocati, dottori: si passa pe’ a via ’na bella regazzetta bionda, c’a minigonna, c’u muccu bambatu da u sole o da ’e lampade che ’bbronzino, come fa’ a √¨ ll√† e dicce “Ciao comme sti? Come te chiami? Achi si fia? Io so de brava famia, parimu t√® pure’a vigna. Perch√© cavvota nu’ iamo au lagu ’nsiemi?” Sicuramente che quella se ’mpaurisce, oppuramente se mette a ride; magari pensa: “Ma chi √® quissu, Martufello?” E allora u giovinotto t√® paura de cominci√† a mischi√† parole nostre coll’italiano, modi de di’ nostri co’ verbi che ’n centrino gnente, nomi co’ soprannomi. E cos√¨ ’a bionda te sgama e tu fa ’na bella figura de cellettone.

’Nsomma che tocca fa’? Quando tenemo da parla’ co’ cadunu de fori comme facemo? Volemo ri√¨ a scola a ’mparasse l’italiano? E chi t√® 40, 50, 60 o 70 anni che t√® da fa’? ’Na cosa √® sicura: meio parla’ comme semo sempre parlatu, cio√® in dialetto vero, senza rischiassela coll’italiano, perch√© o dialetto √® ’a lingua tia che quill’atru nun conosce e nun po’ giudica’, mentre ’nvece l’italiano √® ’a lingua sia che tu nun conosci e issu s√¨, per cui, si te sbai, tu n’ti ne ’ccorgi mentre issu s’a ride sotto i baffi...”.

di Domenico Fasano

 

 

 

 

Scrivi un commento